menengite

La Meningite: prevenirla è possibile

Cos’è la meningite?

La meningite è un’infezione delle meningi, ovvero le membrane che rivestono il sistema nervoso centrale e proteggono il cervello e il midollo spinale, e può colpire anche improvvisamente adulti, adolescenti e bambini nei primi anni di vita.

Quali sono le cause?

Esistono diversi agenti patogeni che possono causare la meningite: virus, batteri o funghi.
Le infezioni più frequenti sono quelle provocate dai virus. Vi sono poi quelle provocate dai batteri quali: Neisseria meningitidis (meningococco), Haemophilus influenzae tipo b (emofilo di tipo b o Hib) e Streptococcus pneumoniae (pneumococco).
La maggior parte dei casi di meningite meningococcica è dovuta a cinque sierogruppi del batterio perché infettivi e contagiosi, noti come A, B, C, W135 e Y, ciascuno caratterizzato da livelli di pericolosità e diffusione differenti. Nello specifico, i sierogruppi A, B e C causano fino al 90% di tutti i casi di meningite invasiva al mondo.

Quali sono i sintomi?

Negli adulti la meningite si manifesta con cefalea, febbre, vomito o nausea, alterazione del livello di coscienza, convulsioni, sensibilità alla luce e irrigidimento della parte posteriore del collo (rigidità nucale).
Nei lattanti, invece, prevalgono instabilità termica, irritabilità e inappetenza, con sonnolenza e scarsa reattività agli stimoli, sintomi che, ai primi stadi dell’infezione, possono essere facilmente confusi con quelli di una comune influenza, determinando un ritardo nella diagnosi che può portare a danni cerebrali, perdita dell’udito, amputazione degli arti o addirittura al decesso.

Il decorso clinico della meningite batterica (cioè causata da batteri) è molto rapido perché può condurre alla morte entro 24-48 ore, quindi è fondamentale che la diagnosi avvenga precocemente.

La prevenzione

La meningite evolve e peggiora rapidamente, lasciando poco margine di manovra a medici e operatori sanitari una volta che una persona è stata colpita. È quindi fondamentale agire d’anticipo attraverso la prevenzione grazie alla vaccinazione.

Le vaccinazioni rappresentano oggi le armi più efficaci e sicure con cui contrastare la malattia perchè creano una barriera al proliferare del batterio evitando la diffusione della malattia.

Quali sono i vaccini disponibili oggi contro la meningite?

Oggi sono disponibili vaccini che prevengono da cinque tipi di meningite meningococcica più infettivi e pericolosi (A, B, C, Y e W135), dai gruppi più diffusi di meningite pneumococcica e da quella da emofilo di tipo b.

Questi vaccini, alcuni dei quali già impiegati all’interno di campagne vaccinali di immunizzazione, hanno dimostrato di avere un alto tasso di successo nel ridurre l’incidenza della malattia e dei decessi causati da questo gruppo di patologie.

Fonti: www.liberidallameningite.it

CONDIVIDI:

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on email

Contattaci per informazioni

Leggi la nostra Privacy Policy*