Gestione Stress Psicologia

Stress: come gestirlo e vivere meglio

Il concetto di stress nasce negli anni ’30 a opera di un medico canadese, Hans Selye, che lo definì come la risposta fisiologica dell’organismo sottoposto a una sollecitazione, quindi come lo sforzo necessario per adattarsi, per reggere la sfida delle richieste ambientali. Lo stressor, ovvero l’agente che causa lo stress, può essere fisico o psichico: lo stress si attiva se fa troppo caldo o troppo freddo, se ci si taglia, ma anche se dobbiamo pagare il mutuo a fi ne mese e siamo in difficoltà economiche, se ci stiamo separando o stiamo cambiando lavoro. Inoltre, è noto quanto sia l’eccesso di stimoli avversi, sia la loro assenza, possa essere logorante per la mente umana. Affrontare ogni giorno delle difficoltà alla nostra portata, impegnarsi per trovare soluzioni, applicarsi per raggiungere degli obiettivi e ottenere i risultati desiderati almeno in parte, infatti, sono attività che richiedono sforzo ma producono soddisfazione, migliorando la qualità della vita. Naturalmente, se le difficoltà e gli inconvenienti si moltiplicano e perdurano, le nostre risorse psico-fisiche andranno esaurendosi e la salute ne risentirà. La prima condizione descritta, per altro desiderabile, si associa al cosiddetto “eustress”, lo stress positivo, utile al benessere; la seconda condizione, invece, corrisponde al “distress”, cioè al sovraccarico del nostro sistema psico-fisico.

Come si manifesta lo stress eccessivo nell’organismo?

Esistono sintomi tipici e generalizzabili ma anche individuali, che dipendono da suscettibilità e fragilità specifiche. Di solito, il distress aumenta la frequenza cardiaca fino a produrre tachicardia e palpitazioni; aumenta la pressione arteriosa fi no a produrre sintomi quali tensione; altera il sonno e l’appetito (a volte in eccesso, a volte in difetto). Quando il sovraccarico dell’organismo diventa molto elevato può produrre una reazione di immobilizzazione della postura e del movimento, inibizione del respiro, confusione mentale o smarrimento, angoscia, vertigine, fi no allo svenimento, un vero e proprio shock emotivo.

Valutazione e trattamento dello Stress

Il Team Specialistico di Clinica San Martino, integrando competenze nell’ambito della Medicina, della Psicologia e della Psicosomatica, propone una Valutazione e un Trattamento Anti-Stress. La Valutazione dello Stress consiste in un colloquio conoscitivo della durata di circa 30 minuti, che include una valutazione strumentale. Quest’ultima si avvale di questionari specifici e dispositivi di rilevamento di parametri fisiologici correlati allo stress (tono muscolare, battito cardiaco, conduttanza cutanea, etc.).

Lo Specialista, sulla base della Valutazione effettuata, sceglie e propone al paziente il Trattamento Anti-Stress più idoneo al suo caso.
È un trattamento personalizzato, può prevedere Tecniche Anti-Stress differenti, e un numero di sedute variabile.
Le Tecniche Anti-Stress e di Rilassamento eseguite:

  • biofeedback muscolare;
  • rilassamento muscolare progressivo;
  • ipnosi;
  • terapia manuale (fisioterapia, massoterapia, osteopatia);
  • fisioterapia strumentale.

Il Trattamento Anti-Stress produce fi n da subito un rilassamento del corpo (muscoli più sciolti, respiro lento e profondo, benessere, etc.) e della mente (presenza, calma, lucidità, etc.). I benefici sono immediati e si mantengono nel tempo, grazie ad un vero e proprio apprendimento consapevole e strategico di nuove modalità di percepire e regolare il proprio corpo e la propria mente.

Le Tecniche proposte, come evidenziato in molteplici studi scientifici, sono efficaci nel migliorare o risolvere disturbi quali stress percepito, tensione, ansia, irritabilità, mal di testa, bruxismo, dolore muscolare al collo o alla schiena, estremità fredde, colon irritabile e altri problemi di natura psicosomatica.

CONDIVIDI:

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on email

Contattaci per informazioni

Leggi la nostra Privacy Policy