L’apparecchiatura è chiusa o aperta? Se sono claustrofobico riuscirò a fare l’esame? Devo seguire una preparazione particolare per eseguire la risonanza magnetica? Queste sono solo alcune domande che ci vengono rivolte quando un paziente si rivolge a Clinica San Martino per eseguire l’esame di Risonanza Magnetica. Proviamo a fornirvi alcune risposte ai vostri quesiti.

 

L’apparecchiatura è chiusa o aperta?

Presso la Clinica San Martino di Malgrate è disponibile un macchinario di risonanza magnetica chiuso ma all’avanguardia che permette, anche a chi soffre di claustrofobia, di svolgere senza disturbo questa indagine.

Il Magnetom Essenza da 1.5 Tesla di Siemens (questo il nome della macchina) nasce proprio dalla consultazione di un migliaio di pazienti sofferenti di questi disturbi: loro ed i malati obesi potranno tranquillamente essere accolti da questa apparecchiatura in quanto ha un diametro di 70 cm.

 

Se sono claustrofobico, riuscirò a fare l’esame?

La claustrofobia può rappresentare una sfida per alcuni pazienti. È importante comunicarlo al personale medico prima dell’esame. Esistono diverse strategie per aiutare i pazienti claustrofobici, la somministrazione di sedativi leggeri, o tecniche di rilassamento e distrazione.

 

Devo seguire una preparazione particolare per eseguire la risonanza magnetica?

La preparazione per una RM dipende dal tipo di esame che si deve effettuare. In generale:

  • Rimuovere oggetti metallici: il giorno dell’esame, è necessario rimuovere tutti gli oggetti metallici come gioielli, occhiali e apparecchi acustici, poiché il campo magnetico della RM può interferire con questi oggetti.
  • Digiuno: per alcune risonanze, specialmente quelle con contrasto, potrebbe essere richiesto di evitare cibi e bevande per alcune ore prima dell’esame.
  • Abbigliamento: indossare abiti comodi senza parti metalliche o, in alcuni casi, sarà richiesto di indossare un camice fornito dalla clinica.
  • Anamnesi dettagliata: informare il medico di eventuali dispositivi metallici impiantati nel corpo (come pacemaker, protesi articolari, ecc.), allergie a mezzi di contrasto, e altre condizioni mediche rilevanti. Prima dell’esame sarà nostra cura sottoporle un questionario in cui le verranno richieste alcune domande.

Per gli esami di Risonanza Magnetica con Mezzo di Contrasto è opportuno seguire una preparazione, è possibile scaricarla e consultarla direttamente sul nostro sito, nell’apposita sezione.

 

Quanto dura l’esame di risonanza magnetica?

L’esame di Risonanza Magnetica in generale non è un esame di brevissima durata, richiede circa 30 minuti, il tempo necessario per la preparazione della bobina e per l’acquisizione delle immagini in tre dimensioni. Durante tutto questo tempo è opportuno che il paziente non si muova, diversamente può essere necessario dover ricominciare l’esame da capo. Ovviamente la durata dell’esame sarà valutata in fase di esame in base alla tipologia di Risonanza Magnetica che il paziente deve eseguire.

 

Posso venire accompagnato? Sarà da solo durante l’esame?

Durante l’esame di Risonanza Magnetica il paziente sarà da solo disteso sul macchinario. I tecnici di radiologia saranno a disposizione del paziente a cui potrà rivolgersi per qualsiasi cosa. Consigliamo, soprattutto per esami di Risonanza Magnetica con Mezzo di Contrasto di venire accompagnati.

 

Se hai ulteriori domande o preoccupazioni specifiche, è sempre consigliabile contattare direttamente la Clinica San Martino di Malgrate (Lecco) per ricevere informazioni personalizzate e dettagliate in base alle proprie esigenze.

CONDIVIDI:

Contattaci per informazioni

Leggi la nostra Privacy Policy