ODONTOIATRIA

Ortodonzia e Ortognatodonzia

Cos’è l’Ortodonzia?

L’ortodonzia nell’ambito dell’Odontoiatria, si occupa del controllo e dello sviluppo della dentatura e delle sue strutture anatomiche. L’Ortognatodonzia, invece, è la branca dell’odontoiatria che si occupa di curare le patologie e le malformazioni della mandibola e della mascella. Ripristina il corretto funzionamento dell’apparato stomatognatico, cioè l’insieme di tutte le strutture coinvolte nella nutrizione, masticazione e deglutizione del cibo, nella fonazione e nella respirazione. L’ortodonzia consente di allineare e riposizionare i denti storti e/o di modulare la crescita delle ossa mascellari nei giovani pazienti attraverso apparecchi fissi o removibili e anche di quelli invisibili. Affidati agli Specialisti in ortodonzia e ortognatodonzia di Clinica San Martino per terapie ortodontiche di alta qualità.

Come si svolge la visita specialistica?

Un’accurata visita specialistica dell’équipe ortodontistica di Clinica San Martino consente di valutare la situazione generale della bocca e la presenza di malocclusioni, al fine di impostare, se necessario, la più adeguata terapia ortodontica, eventualmente preceduta da un programma di prevenzione delle malattie del cavo orale (principalmente gengiviti e carie), stabilendo anche la tipologia di apparecchio più adeguata. Gli Specialisti di Clinica San Martino propongono, sulla base di un check-up ortodontico, le possibili soluzioni dettate dal tipo di malocclusione del paziente e dalla sua età.

La Terapia Ortodontica

Si sviluppa in due maxi-categorie terapiche che sono, spesso, consequenziali:
  • Terapia chirurgica: si tratta di estrarre chirurgicamente i denti che ostacolano la corretta occlusione, la corretta articolazione degli altri denti o la corretta posizione dento-facciale.
  • Terapia meccanica: si attua mediante la costruzione di diversi tipi di dispositivi, quali gli apparecchi per i denti:
    • attivi: utilizzano la forza derivata dal loro stringimento o allargamento per spostare i denti
    • passivi: sfruttano le forze masticatorie

In cosa consiste?

Si procede prendendo le impronte dell’arcata dentale così da poter misurarne le strutture ossee e studiare il caso specifico del paziente. Una volta definito il tipo di trattamento, e nel caso questo si confermasse essere di tipo non chirurgico, sarà necessario prendere ulteriori impronte utili alla costruzione dell’apparecchio. Successivamente sarà necessario monitorare in modo continuativo i progressi della terapia per tutto il tempo necessario al trattamento.

L’Ortognatodonzia

Si occupa della correzione, sia estetica che funzionale, delle malformazioni dei mascellari, della mandibola e delle anomalie relative al posizionamento dei denti. Può essere di due tipologie:
  • Ortognatodonzia preventiva: trattamenti su bambini dai due ai cinque anni che prevengono, attraverso il riposizionamento della mandibola, l’insorgere di patologie future.
  • Ortognatodonzia intercettiva: trattamenti volti a curare le anomalie dei denti dei bambini tra i sei e i dieci anni per evitare che subiscano degenerazioni patologiche.

Contattaci per informazioni

Leggi la nostra Privacy Policy*