cataratta

La Cataratta

La cataratta è un’opacizzazione della lente naturale (il cristallino) contenuta nell’occhio collocata tra l’iride e il corpo vitro.
 

Quali sono le cause?

Esistono diverse tipologie di cataratta, tutte, però, dovute a modificazioni nella composizione chimica del cristallino, che comportano una sua opacizzazione.
 
Le cause di queste alterazioni possono essere molteplici: solitamente è l’invecchiamento, ma potrebbero essere anche traumi oculari, malattie oftalmiche o sistemiche(come ad esempio il diabete), difetti congeniti.
 
Il cristallino può diventare opaco anche a causa di uno stile di vita scorretto: è consigliabile, infatti, seguire una dieta sana e praticare regolare attività fisica.
 

Quali sono i sintomi?

I sintomi più comuni sono:
 

  • Visione offuscata o visione doppia (Diplopia);
  • Ipersensibilità alla luce (Fotofobia);
  • Percezione dei colori meno vivida;
  • La pupilla, che generalmente è nera, può assumere una colorazione giallastra o biancastra.

 

La diagnosi

Solitamente la cataratta viene diagnosticata con l’ausilio di specifici strumenti. È quindi opportuno sottoporsi ad una visita specialisticacomprensiva di:
 

  • Misurazione della lunghezza dell’occhio (IOL Master), parametro di fondamentale importanza nel calcolo del potere della lente intraoculare;
  • Misurazione della pressione endoculare (tonometria);
  • Esame delle strutture oculari collocate posteriormente all’iride ed al cristallino (fundus oculio esame del fondo oculare);
  • Esame della condizione della retina (OCT- Optical Coherence Tomography).

 

La cura della Cataratta

L’unica soluzione alla cataratta è l’intervento chirurgico di asportazione del cristallino opacizzato.
 

Presso Clinica San Martino si procede generalmente con la tecnica della facoemulsificazione, che consiste nella frantumazione del cristallino attraverso l’emissione di ultrasuoni per poi procedere all’aspirazione di tali frammenti. Infine viene impianta una piccola lente artificiale (IOL).
 
In Clinica San Martino le lenti utilizzate sono IOL Premium, personalizzate in base alla morfologia dell’occhio di ogni paziente, capaci anche di correggere i difetti di presbiopia.
 
Da settembre 2018 presso la nostra Struttura è possibile effettuare interventi con FEMTOlaserche ha la caratteristica di ridurre del 40% la necessità di intervenire manualmente da parte del chirurgo:
 

  • Diminuisce il numero e il tempo degli strumenti a diretto contatto con l’occhio;
  • Aumenta sensibilmente la precisione dell’intervento chirurgico;
  • Riduce il tempo di guarigione.

 

Il post-operatorio

Nel post-operatorio il medico consiglierà alcuni accorgimenti quali ad esempio: evitare di sfregare l’occhioed di dormire sullo stesso lato dell’occhio operato.
 
È importante utilizzare i colliri prescritti dal medico e non fare alcun tipo di sforzo fisico.
 
Solitamente si consiglia l’uso di occhiali da sole a causa dell’ipersensibilità alla luce (che tende a sparire nell’arco di pochi giorni). Inoltre, è importante sottoporsi ai controlli stabiliti dal medico, poiché il rischio d’infezione nelle due settimane successive all’intervento è alto.

 

Le informazioni presenti nel sito devono servire a migliorare, e non a sostituire, il rapporto medico-paziente. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. Ricordiamo a tutti i pazienti visitatori che in caso di disturbi e/o malattie è sempre necessario rivolgersi al proprio medico di base o allo specialista.

CONDIVIDI:

Contattaci per informazioni

Leggi la nostra Privacy Policy