Cefalea

Cefalea: sintomi e percorsi di cura

La cefalea, o più comunemente “mal di testa”, è una delle forme di dolore più comuni: circa 7 persone su 10 ne soffrono almeno una volta nella vita.
Prevale nel sesso femminile, ed esiste una certa predisposizione famigliare. Le principali forme di cefalea vengono definite “primarie” o “essenziali”, in quanto prive di causa specifica, anche se è possibile rintracciare molteplici fattori favorenti o scatenanti.
 
Sono forme di cefalea primarie:
 

  • la cefalea tensiva
  • l’emicrania
  • la cefalea a grappolo.

 

Le possibili cause della cefalea:

Gli attacchi di mal di testa possono essere provocati da stress fisici/emotivi, carenza di sonno, ipoglicemia, alcuni alimenti, jet leg, luce artificiale.
Altre tipologie di cefalea vengono definite “secondarie”, in quanto dipendono da una condizione medica specifica che può essere indagata e diagnosticata.
 
Sono secondarie:
 

  • le cefalee che dipendono da artrosi cervicale
  • cefalee da sinusite
  • cefalee causate da disturbi metabolici
  • cefalea da ipertensione arteriosa
  • cefalea da ciclicità mestruale
  • cefalea da disturbi della masticazione
  • cefalea casata da deficit visivi, etc.

 
Ogni cefalea è molto diversa anche da persona a persona, in termini di frequenza, intensità e durata degli attacchi, sintomi associati, risposta ai farmaci. Anche se il problema è spesso sottovalutato, è noto che il mal di testa possa incidere notevolmente sulla qualità della vita in termini negativi, incrementando il livello di stress, producendo o intensificando sintomi ansiosi e depressivi, peggiorando la qualità delle relazioni e riducendo la capacità lavorativa. Come si può intuire, un conto è avere un attacco di cefalea una volta al mese, della durata di un giorno, con dolore di intensità modesta, che si riduce durante le attività quotidiane, che risponde bene a farmaci anti-dolorifici da banco (per es. Paracetamolo) e senza sintomi associati; un conto è soffrire di mal di testa per 15 giorni al mese o più, con dolore invalidante, che impedisce di dedicarsi alle attività quotidiane o le riduce, associato a nausea, fastidio alla luce e ai rumori, con scarsa risposta alle terapie farmacologiche.

Da notare, recentemente l’emicrania cronica è stata riconosciuta come forma di invalidità permanente.
 

Come affrontare correttamente la cefalea?

Lo Specialista di riferimento per la cefalea è il Neurologo, che durante la visita si occupa di raccogliere l’anamnesi del paziente, eseguire l’esame obiettivo neurologico, richiedere eventuali accertamenti come approfondimento diagnostico, prescrivere una terapia generalmente di tipo farmacologico. Per l’età evolutiva, lo Specialista di riferimento è il Neuropsichiatra infantile.
La visita specialistica è indicata soprattutto per le forme di cefalea più intense e frequenti. Forme minori per frequenza e intensità degli attacchi possono essere valutate in un contesto medico non specialistico.
 

Terapie non farmacologiche della cefalea

Il trattamento più efficace della cefalea è integrato, nel senso che non esiste “la cura” del problema ma la valutazione e la ricerca della soluzione più adatta per ogni tipo di paziente, quindi una modalità di cura personalizzata. Non sempre, infatti, i farmaci rappresentano la modalità di cura più efficace, e non sempre rappresentano la prima scelta terapeutica. Basti pensare a situazione quali la cefalea in gravidanza e allattamento, oppure la cefalea nell’anziano con molte patologie, oppure a pazienti che non rispondono alle terapie farmacologiche.

Trattamenti non farmacologici che possono rivelarsi utili per il mal di testa sono: biofeedback, training di rilassamento (es. training autogeno, rilassamento muscolare progressivo), fisioterapia, osteopatia, agopuntura.
 

Diagnosi e cura della cefalea in Clinica San Martino

L’iter di diagnosi e cura presso la nostra Clinica può essere completo ed efficace:
 

  • visita neurologica
  • esami approfonditi di diagnostica per immagini
  • indagini sierologiche
  • trattamenti di fisioterapia
  • trattamenti di osteopatia
  • sedute di psicoterapia

 

Articolo realizzato con il Dr. Guido Rolle – Medico Chirurgo specializzato in Osteopatia, Fisioterapia e Psicoterapia Comportamentale e Cognitiva.

CONDIVIDI:

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on email

Contattaci per informazioni

Leggi la nostra Privacy Policy